Dunque, quando Margaret Tatcher annunciava che la societa’ non esiste, esistono solo gli individui, diceva una cosa molto brutta e cattiva.
Tom Segev e’ autore di un libro di storia bruttarello, il classico “libro a tesi”: e la sua tesi e’ semplice e noiosa: i Paesi arabi non hanno mai voluto distruggere Israele, il quale ha sempre torto. Una tesi sbagliata, ma che evidentemente piace molto a chi cerca prove del fatto che gli ebrei siano cattivi.
 Ecco, Segev nel 2001, sulle pagine del New York Times, elogiava gli israeliani che se ne vanno dallo Stato sionista [1] “for the sake of their individuality” [New York Times, settembre 2001],  perche’ loro “do not live for nationalist ideals […] they live for life itself, as individuals”. Che sono le stesse preferenze di Maggie Tatcher.
Pero’ Segev, al contrario della Tatcher, diceva una cosa bella e giusta. Idealista, perfino. Sono l’unico a vedere qualche contraddizione?
[1] Il fenomeno, peraltro, sta scomparendo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Paturnie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. kurdt ha detto:

    La tatcher era una rincoglionita, per osmosi anche questo tizio è un rincoglionito.

  2. itto ogami ha detto:

    gli jahdisti de noialtri adesso ce l'hanno con gli "ebbri"… probabilmente l'hanno letto si libri del personaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...