Io amo Mondoweiss, lo hub degli antisionisti, cioe’ critici di Israele, cioe’ critici della troppa presenza ebraica nei media e nella politica USA. Lo amo perche’, ogni volta che lo leggo, trovo delle perle comiche di eccezionale valore. Ma anche i punti basilari della loro fede, che loro ripetono ad ogni tornata, sono spassosi, particolarmente quando si spetasciano contro una roba cattiva che si chiama realta’.
Il principale nemico degli autori di Mondoweiss sono i sionisti di sinistra, quelli che credono sia possibile arrivare presto a realizzare il progetto “due popoli due Stati”. Quelli di Mondoweiss dicono che il vero e sincero democratico dovrebbe volere uno Stato unico, a maggioranza araba, con gli ebrei disarmati a beneficiare della secolare tolleranza islamica, rafforzata dai decenni di militanza pro-sovietica in cui e’ cresciuta la generazione di Abu Mazen. Per essere sicuri che tale maggioranza araba sia massiccia, loro ritengono che tutti gli autoproclamati discendenti di sedicenti profughi pretesi palestinesi debbano trasferirisi in Israele e sfrattare gli ebrei. 
Tanto per chiarire: i curatori di Mondoweiss sono due ebrei americani, tutti e due hanno sposato persone non ebree, ambedue evitano di educare i figli all’ebraismo, ed insomma sono due ebrei che hanno l’ebraismo a schifo, il che e’ del tutto legittimo. Il fatto e’ che trasferiscono questi loro problemi personali sulla sfera politica, nel tentativo evidente di risultare graditi ed accettati (ovvero non piu’ considerati ebrei) presso familiari e amici delle rispettive consorti. 
Si da’ pero’ il caso che gli ebrei americano sono in gran parte persone normali, per cui Israele non e’ un simbolo, ma uno Stato con i problemi di tutti gli Stati, e non vedono alcuna ragione per cui debba essere smantellato per trasformarsi in non si capisce cosa. L’unica cosa che si capisce e’ che tale progetto di trasformazione penalizzera’ gli ebrei di quelle parti, e quelli del resto del mondo. Quindi la posizione di Mondoweiss e’ minoritaria, e gli autori lo sanno ma sono convinti che masse di benintenzionati potranno essere persuasi di quanto sia buono e giusto ridurre gli ebrei a minoranza in casa loro, se solo si leva (toh, guarda caso) il controllo ebraico dai media. 
Ah, e uno dei curatori di Mondowess e’ un giornalista che ha mosso i primi passi nell’editoria grazie al fatto che familiari e amici ebrei lo hanno messo in contatto con redazioni di quotidiani. E’ evidentemente convinto che quel principio di carriera fosse un errore, perche’ lui e’ una scarpa che se la cava malissimo con le parole, e quindi se e’ riuscito a cavarsi da vivere scrivendo e’ perche’ e’ un privilegiato. Non e’ che la carriera giornalistica sia finita perche’, appunto, lui scrive da cani. E questi previlegi ebraici stanno uccidendo l’America e bisogna finirla e aprire una discussione sul potere della Lobby ebraica e sul come liberarsene. Che tradotto significa che lui non riesce a liberarsi della influenza che la sua famiglia ancora esercita su di lui.
 Finisce l’era Bush, inizia quella Obama. Sulle faccende che a quelli di Mondoweiss stanno cosi a cuore, Obama e la su amministrazione non hanno delle idee poi cosi’ diverse da quelle di Bush. Anche perche’ la realta’ non e’ che un nuovo presidente ti possa aiutare a far pace con il resto del mondo. E’ piu’ un problema tuo, che dovresti accettare come va il mondo, e nel mondo ci stanno anche i politici arabi che non hanno alcun interesse a riconoscere Israele. Obama fa un gran parlare di due popoli due Stati, i leader arabi rispondono vattene a fare in culo, negro di merda, noi vogliamo comunque distruggere Israele. 
Poi Obama viene rieletto. 
E allora quelli di Mondoweiss entrano in fibrillazione, si dicono certi che, ormai privo di gratitudine verso la Lobby, il POTUS avrebbe finalmente messo in riga Netanyahu [“non chiamatelo Bibi! Non usate vezzeggiativi con i criminali di guerra” (1); che tradotto significa: “quello non e’ mio parente, io sono bravo e buono”] Nulla perviene in questo senso, ed eccoli per reazioni fantasticare che, con il prossimo viaggio in Israele (“e Palestina!”) le masse arabe si sarebbero galvanizzate e un enorme movimento di massa avrebbe posto fine all’occupazione e all’apartheid, non avete visto che Obama apre all’ipotesi di uno Stato unico (in effetti no, io mica lo ho visto, ma loro ci hanno fede e la fede fa miracoli). 
Iniziano poi a filtrare i dettagli del viaggio pianificato: cosucce tipo il presidente andra’ a dire ai due popoli le stesse cose, con in piu’ la considerazione che Israele ha diritto a non ricevere missili sulla testa. Non c’e’ nulla dei sogni mono-nazionali, eppero’ quelli di Mondoweiss si dedicano a fare il conto di quanto sono pochi e vecchi i democratici ebrei del Nebraska, e quindi i giovani ebrei non sono piu’ interessati ad appoggiare Israele (non cercate il nesso logico, non c’e’). E quindi ne consegue che Obama finalmente voltera’ pagina e cessera’ il supporto acritico degli USA verso Israele che rende cosi’ imbarazzante per i giovani ebrei americani (e cioe’ solo per i due autori ebrei di Mondoweiss) fare amiciza con i coetanei arabi. 
Giunge finalmente il fatidico viaggio presidenziale. Voi magari non ve ne siete accorti, perche’ (giustamente) nel resto del mondo succede roba piu’ seria, ma quelli di Mondoweiss erano li pronti as aspettare il fatidico momento, lungamente annunciato, in cui Obama avrebbe detto alla folla di Ramallah “E alla Lobby ebraica dico fuck you, guys, ora Palestinian rules, Assalaam aleikhum!!!” 
Obama quindi sbarca in Israele, saluta in ebraico, parla del legame indistruttibile tra USA ed Israele, si lancia in descrizioni del legame tra ebrei e terra di Israele, parla di Israele unica democrazia del Medio Oriente, di Stato ebraico che deve essere riconosciuto dal mondo intero (si’, anche dagli arabi) come appunto Patria del popolo ebraico, altrimenti nessuna pace sara’ possibile e non menziona una sola volta la ineluttabile imprescindibile e necessaria divisione di Gerusalemme. 
Non una parola sullo Stato unico inevitabile, menzione vaga di una prossima affermazione del principio due popoli due Stati, se e solo se gli arabi accetteranno il diritto degli ebrei ad uno Stato e la natura ebraica di Israele. 
In due parole: Epic fail. 
Batostati su tutta la linea, quelli di Mondoweiss si rifanno intervistando un analista palestinese [vale a dire un individuo pagato dal governo siriano per fare lobbysmo negli USA] il quale tutto ad un tratto scopre che certo, la natura ebraica di Israele non e’ un problema, che certo si puo’ parlare con i sionisti ragionevoli (che di Mondoweiss sono i principali nemici, vedi sopra) e che insomma non c’e’ niente di male nel principio due popoli due Stati, basta accettarlo e poi si puo negoziare sul resto. 
Tu guarda come diventano ragionevoli, leader ed analisti arabi, ogni volta che prendono una legnata. 
 E tu guarda come i sostenitori dei palestinesi si fanno prendere la mano da retorica magniloquente (e genocida) ogni qual volta si immaginano ci sia stata una apertura verso i loro deliri. 
Qualcuno si stupisce?
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Israele. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...