Chi ci ricorda?

“Sei a favore della soluzione a due Stati, uno ebraico ed uno arabo?
“No”
“Quindi cosa proponi? Il genocidio? Il massacro di tutti gli ebrei?”
“…”
“Sai che secondo la definizione in uso nelle istituzioni europee, essere contro il diritto di Israele ad esistere significa essere antisemiti? Faresti il favore di mettere per iscritto le tue posizioni?”
“I palestinesi sono semiti, io non sono antisemita, io sono per i palestinesi”
“Ma tu stai negando che Israele abbia diritto di esistere”
“Io con voi non parlo. Voi fate dei corsi, venite qui preparati per mettere in difficolta’ la gente come me. Non ci parlo con quelli come voi”
“Ti ho solo chiesto che soluzione vedi per il conflitto in Medio Oriente”
“Non ci parlo con voi”
“Perche’ stai boicottando questo negozio?”
“Perche’ i palestinesi sono occupati”
“Da chi?”
“Da Israele”
“Aha. E prima di Israele chi c’era in Giudea e Samaria?”
“Ma non e’ questo il punto. I palestinesi sono occupati”
“Seneti, questo e’ un negozio ebraico, vero?”
“Non c’entra, qui a manifestare contro l’occupazione ci sono altri ebrei. Quindi noi non siamo antisemiti”
“Sai che ci sono musulmani in Israele?”
“E…”
“E se questo fosse un negozio di proprieta’ di musulmani israeliani, tu lo boicotteresti?”
“Ovviamente no”
“Pero’ boicotti questo, che e’ proprieta’ di ebrei”
“Si'”
“Quindi stai invocando un boicottaggio su base religiosa. Non ti importano i diritti dei palestinesi . Tu vuoi colpire gli ebrei”
[dopo considerevole e perplesso silenzio] “Io con voi non parlo. Voi fate dei corsi, venite qui preparati per mettere in difficolta’ la gente come me. Non ci parlo con quelli come voi” (bis)
“Hai appena detto che tu boicotti questo negozio perche’ proprieta’ di ebrei. Sei un razzista, ed un antisemita”
“Io difendo i palestinesi”
“Ma questo negozio da’ lavoro ai centinaia di palestinesi. Noi riceviamo centinaia di E mail dai lavoratori palestinesi che dicono che non vogliono avere a che fare con il vostro boicottaggio, che non ne difendete per nulla i diritti, che loro vogliono lavorare in pace”
“A che stipendio?”
“Il loro stipendio e’ quello israeliano, sei o sette volte quello che ricevono lavoratori nei territori palestinesi. Se questa fabbrica venisse chiusa centinaia di lavoratori palestinesi sarebbero disoccupati, e’ questo quello che vuoi?”
“… Io con voi non parlo. Io ne so di piu’. Io sono stato a Gaza” (se ne va incazzato)
Domande lo seguono: “A Gaza? Gaza e’ libera adesso, vero? E da Gaza arrivano missili, vero? E’ questo che vuoi che accada dai territori? Missili su Tel Aviv? Cosi’ avrete il genocidio? E chi ti pagava, a Gaza? Chi e’ quello che ha fatto dei corsi?”

Lo stile retorico di questo signore, l’efficacia delle sue argomentazioni, la predisposizione al dialogo, le (diciamola tutta) paure di venire riconosciuto come antisemita, i salti logici ecc. ecc. mi ricordano molto da vicino Leonardo Tondelli. Quello che e’ convinto che lo stile argomentativo del sottoscritto (cosi’ simile a quello che si vede nel video) sarebbe, dice lui, perdente. A vedere il video il perdente sembra qualcun altro. Il povero Tondelli evidentemente non si e’ mai trovato davanti degli interlocutori ebrei consapevoli, sicuri di se’ e delle proprie argomentazioni. E quindi fa come questo signore, farfuglia che c’e’ gente che fa degli studi apposta per metterlo in difficolta’. E poi, di fronte a dei fatti nudi e crudi, scappa.

Annunci
Video | Questa voce è stata pubblicata in Paturnie. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Chi ci ricorda?

  1. nahum נחום ha detto:

    mi segnalano questo http://youtu.be/Q-10AZIQZ8U

  2. magiupa ha detto:

    Purtroppo non posso capire i 2 video,la mia ignoranza regna sovrana,però penso che un certo modo di argomentare non sia rivolto agli Ebrei,ma piuttosto a quelli come me che si rendono conto che l’enunciato non regge ma non sono abbastanza preparati per smontarlo,al che cominci ad alterarti e diventa facile farti passare per un pazzo che per sostenere l’insostenibile accusa scaltramente di razzismo…è frustrante.
    E poi lui è stato in Israele io no,lui ha visto come sono gli Ebrei-e qui cerchi di rispondere,però il fatto che tu non sia mai stato in Israele pesa,lui sa e tu ti bevi la propaganda,e cominciano a fare quei sorrisetti tipo… io so!
    Mi sa che devo mettermi a studiare la tua gente Rabbino,me tocca…non che abbia sta gran voglia,ma non si può essere zittiti così!

  3. frine ha detto:

    Uno a cui ho “rivelato” che nel 1947 l’ONU assegnò anche ai palestinesi, oltre che agli ebrei, una terra per fondarvi il proprio stato, dopo lunga e attenta riflessione, mi ha risposto: “Beh, allora ha sbagliato l’ONU!”

  4. Pingback: Il Tondello stizzoso | allegrofurioso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...