Irlanda, Crimini contro l’umanita’

L’incoraggiamento a sposarsi giovani e fare dieci figli per famiglia anche nel pieno della carestia non fu un crimine contro l’umanita’
Nemmeno erano crimini contro l’umanita’ la rete di convitti e collegi maschili e femminili dove per circa un secolo minorenni venivano stuprati da bruti in tonaca che hanno goduto di protezioni su su fino in Vaticano, e hanno avuto a disposizione vasta scelta di freschi e virginei orifizi.
Non si puo’ parlare di crimini contro l’umanita’ nemmeno quando si scoprono cimiteri di bambini  accanto a monasteri femminili, di modo che la virtu’ delle monache e la di loro reputazione fosse salvata.
E nemmeno erano complici di crimini contro l’umanita’ quei giudici che sottraevano le figlie alle madri per piazzarle nelle lavanderie Magdalene in cui lavoravano per decine di ore al giorno senza vedere una lira, ne’ loro ne’ le madri.
E non e’ stato nemmeno crimine nemmeno la sottrazione di figli alle famiglie con pretesti arbitrari per spedirli poi in adozione (tua moglie non l’ho vista a messa, non si copre i capelli …. Sai una cosa? Forse tuo figlio potrebbe crescere in USA, in ambiente piu’ sicuro….).
E certo non era crimine contro l’umanita’ appoggiare il terrorismo indipendentista, e fornire rifugi e passaporti falsi agli attentatori seriali, gente che torturava prigionieri per indurli a confessare la collaborazione con gli inglesi, loro o dei familiari.
No, tutto questo, a ragione, non puo’ essere definito crimine contro l’umanita’.
Il vero crimine contro l’umanita’ in terra di Irlanda si e’ consumato nella tragica giornata di domenica, quando i cittadini irlandesi hanno espresso una loro opinione in una consultazione referendaria.
Dare loro il voto, quello e’ un crimine contro l’umanita‘.
Firmato e sottoscritto nel 2015, secondi anno di regno dei papa dal volto umano.
steiumanne.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Paturnie. Contrassegna il permalink.

28 risposte a Irlanda, Crimini contro l’umanita’

  1. Marta ha detto:

    Typo: Magdalene, non Magdalaine.

    La fossa comune dei bambini era in un pozzo nero, se vogliamo aggiungere all’orrore.

    I terroristi hanno fatto anche sparire (nel senso di “desaparecido”) una madre di famiglia che non aveva lasciato morire dissanguato un soldato inglese.

    Il braccio politico e rispettabile dei terroristi ha coperto stupri di “compagne” che non dovevano rivolgersi alla giustizia degli invasori ma perdonare e comprendere i “compagni” che avevano tratto in tentazione.

    Detto questo, credo ci sia tutto.

  2. nahum נחום ha detto:

    Typo corretto.

    Ci sarebbe anche la proibizione dell’aborto che si spinge, tuttora, fino a negare le cure a una donna malata di cancro, con il risultato che muore lei e il figlio dopo la nascita.
    E la protezione ai nazisti in fuga verso il Sudamerica.

    Ora aspettiamo quelli che ci spiegano che
    gli ebrei/i protestanti/i massoni
    sono peggio/sono uguali
    ai cattolici, che dopotutto fanno un sacco di opere buone
    e che quindi in Irlanda si stavano solo difendendo ecc. ecc.
    e poi in Palestina.

    e steiumanne e sbroc sbroc

    • Vuk ha detto:

      Beh, non mi sembra il caso di fare la classifica. Un crimine rimane un crimine.
      Anche la cultura protestante per cent’anni ha negato riforme sociali essenziali, dopo la prima rivoluzione industriale. E secondo me la dottrina sociale della chiesa non era niente affatto male dal punto di vista politico. Voglio dire, invece di ammazzare i sindacalisti in stile pinkerton si può “mettersi d’accordo” 😀 Mi spiego?
      Non mi sogno di dire che i preti siano stati, nell’insieme, dei buoni riformatori. La loro idea di “stato sociale” era ed è carità. Un tozzo di pane al giorno e non rompete le scatole. Però tramite questo modo di agire (come tramite le lotte sindacali) ci si è avvicinati non alla loro società ideale, ma ad una più vivibile.
      E ci sono stati anche i falchi che se davano uno era solo per riprendersi cento.

      Io penso che si debba prendere il buono in ogni gruppo umano andando nello specifico a vedere nel merito, cosa serve e cosa no, cosa da risultati positivi e cosa no.
      Le guerre di religione sono la cosa più controproducente che ci sia, anche perchè il sano senso pratico viene inibito. E quando si perde il contatto con la realtà non va a finire bene, di solito.

  3. Pingback: Irlanda, Crimini contro l’umanita’ | allegrofurioso | Buseca ن!

  4. Vuk ha detto:

    I protestanti hanno, IN PASSATO, portato avanti un’idea profondamente classista di società, che io sappia. Il termine WASP non era forse troppo corretto.
    Infatti se si guarda bene nella storia degli USA tra i potenti c’erano anche diversi protestanti valloni, famminghi, francesi… Anglosassoni fino ad un certo punto.
    Inoltre che io sappia gli irlandesi venivano descritti da certi studiosi delle razze come mediterranei per non infangare il loro mondo nordico-protestante (assurdità di tempi assurdi, succede davvero di tutto a sto mondo) e le loro teorie demenziali. Avevano colpe per essere cattolici? No. Erano semplicemente discriminati. Ma soprattutto erano poveracci fatti entrare per essere sfruttati (leggiamola in termini economici, va’). Come anche lo erano gli ebrei, e spesso lo sono tuttora, non appena si va nell’america profonda, anche se non credo sia paragonabile all’800 e agli inizi del 900.
    Che quando c’è da colonizzare un nuovo mondo il nonplusultra lo si ottenga assai meglio con un’etica calvinista lo ammetto tranquillamente. Onore al merito.
    Io credo che la Chiesa Cattolica In Sud America e Messico abbia provato a costruire una società diversa, non razzista, non classista (c’erano entrambi questi aspetti tra i conquistadores, lo so). Magari le intenzioni erano buone, ma va detto che non ha funzionato.
    Spiace dare ragione a quegli ebeti criminali dei libertari, la società USA dava e da molte più opportunità, pur nella disugaglianza.
    Ok, fermo lo stream of consciousness.

    Ciao.

  5. casper ha detto:

    Non capisco perchè appoggiare la sacrosanta lotta dell’IRA dovrebbe essere un crimine contro l’umanità. Per quale motivo l’Irlanda del Nord non dovrebbe ricongiungersi al resto dell’Irlanda? Sarà mica “deformazione professionale sionista”? Ah, sta gentaglia che non accetta di buona lena le occupazioni militari! I bravi anglosassoni poi, così educati, così umani. Chiedere a indiani d’America, indiani d’India, aborigeni, sudafricani, palestinesi…..

    • nahum נחום ha detto:

      Tra le tante cazzate che hai scritto, mi colpisce questa.
      Come mai gli irlandesi (cattolici) non sarebbero anglosassoni, mentre i (sionisti) ebrei si’?

      • casper ha detto:

        No, no non ho detto niente del genere. Anglosassoni erano quelli che occupavano l’Irlanda, in un periodo in cui occupavano circa mezzo mondo, non gli ebrei. Gli ebrei sono principalmente medio orientali e slavi, credo. La mia perplessità era legata al fatto che definissi crimine contro l’umanità appoggiare l’ira, quando di fatto senza l’ira oggi l’Irlanda farebbe ancora parte del Regno Unito.

      • nahum נחום ha detto:

        Quindi io, che sono ebreo, sono medio orientale o slavo? Dai, interessante.
        Quindi, esattamente, in che modo i palestinesi soffrirebbero (come gli irlandesi) per opera dei cattivi anglosassoni? Parliamone, mi interessa.

  6. casper ha detto:

    Ho scritto principalmente medio orientali e slavi, e comunque potrei sbagliarmi, non sono un esperto. Irlandesi e palestinesi hanno in comune il fatto di essere stati occupati dagli inglesi per un certo periodo. Ma, come ho detto, mi interessava solamente quel crimini contro l’umanità riferito all’appoggio all’ira. Per quale motivo l’Irlanda non dovrebbe essere uno stato autonomo e dovrebbe far parte dell’UK?

    • nahum נחום ha detto:

      Guarda, che non sei esperto si capisce. Mi fai un riassunto della storia di questi palestinesi? Quando sarebbe iniziata questa terribile occupazione inglese? E, visto che hai parlato di sionisti, sono anglosassoni anche i sionisti?
      Poi, con calma, parleremo dell’Irlanda.

  7. casper ha detto:

    Ok, ascolta, come puoi vedere non sono un commentatore abituale. Non ho alcuna voglia di impantanarmi in una discussione su Israele-Palestina perchè penso che la pensiamo troppo diversamente e non giungeremmo a una posizione comune neanche dopo settimane. Da quel che posso capire sei uno di quelli che “i palestinesi non esistono” e “la Palestina era vuota” ecc. ecc. Mi va benissimo, lungi da me il cercare di farti cambiare idea, solo io la penso diversamente. Sono intervenuto solamente perchè incuriosito da quell’accenno all’appoggio degli irlandesi al loro movimento di liberazione nazionale definito crimine di guerra. Se vuoi darmi delucidazioni su quello ne sarei contento, altrimenti fa niente.

    • nahum נחום ha detto:

      Non credo di aver scritto da alcuna parte “i palestinesi non esistono”
      Tu scrivi di aver capito che si tratta di una mia posizione. Ecco, come credi di averlo capito?
      Son curioso. Mi interessano davvero i meccanismi mentali di uno che ci tiene cosi’ tanto all’indipendenza dell’Irlanda.

      • casper ha detto:

        Ok, non mi vuoi dire cosa ci sia di male a sostenere un movimento indipendentista che utilizza la lotta armata per cacciare un occupante che schiaccia la tua nazione per potersi fregiare del pomposo titolo “Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda”.
        Va bene, non cambierà la mia vita. Se volessi parlarne sarei felice di ascoltare le tue argomentazioni. Per curiosità, non per altro: non ho mai conosciuto nessuno che sostenesse che la lotta indipendentista irlandese fosse una causa criminale.
        Ma non riuscirai a trascinarmi in una infruttuosa discussione Israele-Palestina.

      • nahum נחום ha detto:

        Dunque, prima scrivi di sionisti invasori ed anglosassoni, poi correggi il tiro e dici che i sionisti sono slavi (cambia qualcosa? Pare di si’), poi mi attribuisci roba che non ho detto e alla fine ti defili.
        Spero tu capisca da solo che con questo stile di discussione non stai facendo un favore a nessuna causa.
        Ah, per inciso, io mi riferivo al periodo dei Troubles e no, non mi risulta che l’IRA -nonostante la quantita’ di esecuzioni di cosiddetti collaborazionisti, le torture dei familiari, gli attacchi ai civili, sia riuscita a ottenere un granche’, infatti l’Irlanda del Nord e’ ancora parte del Regno Unito.

  8. casper ha detto:

    Scusa, ma mi pare ti sfugga il fatto che l’ira nacque quando tutta l’Irlanda apparteneva al Regno Unito. Alla fine della guerra d’indipendenza irlandese l’ira raggiunse quasi tutti i suoi obiettivi, tanto che oggi tutta l’Irlanda è uno stato indipendente tranne l’Ulster che appartiene al Regno Unito. Peraltro se non ricordo male la popolazione dell’Irlanda del Nord è a maggioranza protestante anglosassone, se vogliamo una situazione per certi versi simile alla Crimea. Penso che Londra se non fosse stata costretta ad accordare l’indipendenza, ingloberebbe ancora felicemente l’isola. Infatti il massimo che Sua Maestà era disposto a concedere alla vigilia della guerra era un’autonomia amministrativa dell’Irlanda ma sempre nell’alveo del Regno Unito (Third Home Rule Act, 1914)

    • nahum נחום ha detto:

      Non e’ che mi sfugge, e’ che proprio parlavo d’altro. Ovvero della protezione che gerarchie cattoliche accordavano ai terroristi dell’IRA durante i Troubles, che iniziano un po’ dopo il 1914. Di nuovo, stai inventandoti cose che io non ho detto.
      Capisco che tu senta il bisogno di cambiare discorso, dopo gli spropositi che hai infilato sugli ebrei che sono slavi, anzi anglosassoni, comunque invasori e cattivi. Pero’ non stai facendo una buona figura. Chissa’ come mai, ho la sensazione che non te ne sei accorto.

  9. un altro passato per caso ha detto:

    In effetti devo dire che anche a me, ma solo dopo aver letto i commenti, incuriosicce la posizione cosi supina alla narrazione ufficialeoanglosassone nel definire terroristi indipendentisti coloro che altro non erano/sono che partigiani della guerra di liberazione irlandese.

    So che gli ebrei oggi devono molto agli anglosassoni, capisco anchè che a narrativa cambia a seconda dei punti di vista(e chissenefrega della coerenza), ma non capisco perchè un bloggher ebreo che non ha responsabilità istituzionali nè ufficali in alcun modo, debba avere una simile posizione ipocrita.

    • nahum נחום ha detto:

      Non so bene cosa sia la “narrativa ufficiale anglosassone” e non capisco cosa dovrebbero gli ebrei di oggi agli “anglosassoni”. Parliamone, suvvia.
      (sembri proprio quello di prima, e secondo me te ne vai anche tu con le pive nel sacco)

      • casper ha detto:

        Andare con le pive nel sacco = il “grande pensatore” non pubblica più i commenti. ahahahha povero, che magra figura ci fai.

      • nahum נחום ha detto:

        Ah sei tornato? Perché cambi nick e continui a scrivere le stesse cose?
        (ah, io pubblico tutti i commenti. Sei sicuro di non avere manie di persecuzione? Hai controllato che non ci siano anglosassoni nascosti sotto il letto?)

  10. un altro passato per caso ha detto:

    Nemmeno io ho voglia di imeplagarmi in discussioni che fondamentalmene mi annoiano. dico solo che non vogliamo mica credere che lo stato israeliano sia nato spontaneamente nella sede delle nazioni unite, no? (oddio, qualcuno in vena di macabro sarcasmo potrebbe perfino ringraziare la parabola nazista) diciamo che al netto di alti e bassi nel rapporto con gli anglosassoni, e tagliando la testa al toro, la frase che possa riassumersi come chiave possiamo prenderla pure da wiki:

    During World War I, British Foreign Secretary Arthur Balfour sent the Balfour Declaration of 1917 to Baron Rothschild (Walter Rothschild, 2nd Baron Rothschild), a leader of the British Jewish community, that stated that Britain intended for the creation of a Jewish “national home” within the Palestinian Mandate.[110][111]…

    Ad ogni modo io ero interessato a sapere solo del prechè definisci terroristi quelli che lottavano per la liberazione irlandese. Però ho come il sospetto che ti fionderai sulla citazione wiki aprendo una discussione interessantissima e riempendomi il sacco di pive, giusto?

    • nahum נחום ha detto:

      Ah, ti piace discutere a colpi di wikipedia? Contento tu…

      The IRA is designated an unlawful terrorist organisation in the UK and an unlawful organisation in the Republic of Ireland.
      https://en.m.wikipedia.org/wiki/Provisional_Irish_Republican_Army

      Adesso, quando tornerai (con un altro pseudonimo?) per riciclare la leggenda degli anglosassoni cattivi, prova a spiegare che anche il governo della Repubblica di Irlanda non e’ composto da anglosassoni. Che queste classificazioni sulla base della razza mi fanno sempre scompisciare.

      Ovviamente faccio cadere la stronzata complottista sulla Dichiarazione Balfour, perche’ non mi piace infierire sugli ignoranti. Ma un ripassino su quel che e’ successo dopo, e magari un occhio a quel che succede adesso…
      https://en.m.wikipedia.org/wiki/Cyprus_internment_camps
      http://www.gatestoneinstitute.org/3690/britain-arabists

      Perche’, vedi, il mondo e’ un posto complicato. Magari, per capirci qualcosa, puoi trovare attraente il modo urielliano di (virgolette) ragionare. Vedere un continuo scontro tra popoli / razze / etnie, dove una (gli -virgolette- anglosassoni, i cattivi) cerca di dominare tutte le altre (gli indigeni / i buoni). Ma e’ una fregatura, perche’ le cose sono sempre piu’ complicate, e non appena ti imbatti in un fatto che contraddice la semplificazione di cui sopra, ti tocca fare giravolte comiche (appunto, urielliane) per non perdere la faccia, e allora via alle figuracce, del genere che gli americani, che hanno appoggiato l’IRA, sono anglosassoni ma non cosi’ tanto. O magari sono anglosassoni solo in Afghanistan.

      Ora vai e studia (cit.)

  11. blogdibarbara ha detto:

    oddio, qualcuno in vena di macabro sarcasmo potrebbe perfino ringraziare la parabola nazista
    No: sono solo gli antisemiti ad essere convinti che Israele sia nato “grazie” alla Shoah. E sono solo gli imbecilli ad essere convinti che qualcuno – non importa chi, a parte i pionieri che hanno comprato deserti e paludi e pietraie e li hanno trasformati in campi e orti e giardini e foreste e hanno dotato tutto questi di istituzioni statali – abbia “fatto nascere” lo stato di Israele.
    E anche da parte mia, “va’ e studia” (con tutti e due i piedi).

  12. Pingback: Di Irlanda e di compromessi | allegrofurioso

  13. casper ha detto:

    Pubblichi tutto eh?
    Ma poi sei ancora convinto che siamo le stesse persone? E dire che puoi facilmente controllare… mah.

    • nahum נחום ha detto:

      Si’, pubblico tutto. Persino roba inutile come questa. Come vanno i tuoi incubi anti-anglosassoni? Le truppe di occupazione sioniste stanno ancora sotto il tuo letto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...