Naturalmente Leonardo Tondelli non e’ antisemita. 

E’ solo convinto che Israele sia un concetto razzista, inventato da un oscuro sacerdote sanguemisto (“ebraico-babilonese”) per impedire agli ebrei babilonesi di sposarsi con le donne locali. Credevate che Esdra fosse un libro della Bibbia, invece e’ la versione mediorientale di Romeo e Giulietta. 

[Qui, per gli increduli: http://tinyurl.com/ng86dyu ]

Sapete, spiega il nostro autodefinito “cattolico di campagna” “non in regola con i sacramenti” (non siete anche voi affascinati da questa identita’ cosi’ complessa?) ci portiamo tutti dentro le nostre tendenze razziste, che hanno avuto la loro prima manifestazione presso gli ebrei. Bisogna tenerle a bada, queste tendenze di origine ebraica.

E qui sembra proprio che Tondelli stia parlando del peccato originale, da cui si esce con il battesimo. Ma lui non e’ cattolico. E’ laico. E  non e’ antisemita, sta solo parlando del libro di Esdra, mica degli ebrei.

Perche’, sapete, son pericolose, le tentazioni israelitiche di purezza razziale. Queste tendenze razziste spingono la gente a emigrare, a andar via dal paese ove son nati, a cercare un impossibile Eden (colonna sonora: “Paese mio che stai sulla collina….”)

Ma questa non e’ una diffamazione di Israele, che peraltro e’ l’unico Paese del Medio Oriente in cui di razzismo si puo’ pubblicare sui quotidiani e nelle aule universitarie: provate voi a vedere cosa succede se parlate di diritti dei beduini in un qualsiasi Paese del Medio Oriente. Perche’  Tondelli non sta pensando al sionismo, no: perche’ lui mica e’ antisemita. E capisce benissimo (beh, capire forse e’ una parola un po’ grossa, diciamo che prende in considerazione) le buone ragioni per cui gli ebrei -poniamo- francesi se ne vanno dal paradiso multiculturale cresciuto all’insegna della laicite’. A loro non va di venire presi a sputi da qualche multiculturale di origine africana il giorno che se ne vanno in sinagoga. Men che meno gradiscono che  questo genere di hate crimes venga considerato dalle forze dell’ordine o -peggio- dall’opinione pubblica, nulla di grave.

Tondelli, dicevo, prende in considerazione queste posizioni di parte ebraica. Il suo blog e’ infatti pieno di solidarieta’ verso gli ebrei francesi. Voi non li vedete, i post in cui prende le loro difese. Ma certo ci sono. 

Sapete, il fatto di venire mitragliati quando si entra in un negozio kasher non dovrebbe essere causa di panico. Succede. Che sia magari collegato al fatto che gli ebrei se ne vanno dalla Francia, pero’, a Tondelli non passa per la testa. Secondo lui gli ebrei emigrano verso Israele perche’ hanno queste tendenze un po’ razziste iniziate all’epoca di Esdra e diventate poi Legge scolpita nella pietra. Tendenze pericolose, eh.

Perche’ purtroppo, quando questi aspiranti alla purezza razziale si recano altrove, c’e’ sempre qualcun altro. E qui e’ chiaro che il Tondelli ha in mente i rastafariani e il loro esodo dall’America all’Etiopia, sapete in ognuno di noi c’e’ un po’ di rastafarianesimo, non a caso la soluzione di molti gialli e’ che e’stato il negro. E voi magari credevate che la gente si sposti da dove e’ nata perche’ dove e’ nata non ci sta proprio benissimo (vedi appunto gli ebrei francesi). E lui non e’ antisemita, non ha una ossessione particolare per Israele, non applica alcun doppio standard, e’ ugualmente indignato ovunque lui veda razzismo. Infatti Tondelli ha dedicato moltissimi post al colonialismo rastafariano in Etiopia, e alle comunita’ rastafariane della Diaspora che supportano questa impresa coloniale, sfruttando il senso di colpa dei bianchi. 

Ma anche questi post, purtroppo non si vedono. Magari c’e’ un complotto per fare apparire razzista e antisemita il Tondelli? Per accusarlo di doppio standard? Potrebbe ben essere, eh. Avete presente quando software israeliano c’e’ in giro? E lo sapete chi controlla i media eh?

Qui volevo mettere un paio di note sul marcionismo (l’idea che cristianesimo ed ebraismo siano incompatibili)  e un qualche link a qualche sito di estrema destra preso a caso, dove un nazista spiega che gli ebrei sono i principali artefici delle loro sventure, perche’ rifiutano di integrarsi con le popolazioni che li ospitano, prova ne e’ che scoraggiano il matrimonio con chi non e’ ebreo. Devo ancora trovare una religione che incoraggi la gente a sposarsi con qualcuno di religione diversa, e credo che il principio “mogli e buoi dei paesi tuoi” sia piu’ o meno una costante universale, forse espresso con particolare forza nel caso di minoranze che si sentono in pericolo di scomparire (gli zingari, per esempio). 

Ma non mi va di ripetere roba che ho gia’ scritto. Faccio solo presente che in Italia i matrimoni tra berlusconiani ed anti-berlusconiani erano praticamente inesistenti negli anni Novanta e pesantemente scoraggiati da famiglie ed amici dei coniugi. Questa tendenza degli antiberlusconiani alla purezza razziale ha davvero qualcosa di ebraico. Per non parlare del loro sogno di trasferirsi in un posto privo di televisioni. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Leonardeide, Paturnie. Contrassegna il permalink.

6 risposte a

  1. Marta ha detto:

    A proposito di quel diagramma di flusso: in Israele le unioni civili sono aperte senza distinzioni di orientamento sessuale, e non solo agli atei, o sbaglio?

    (Per inciso: i gay possano adottare? Con qualche restrizione?)

    • nahum נחום ha detto:

      In Israele gay possono adottare e le unioni civili celebrate all’estero vengono riconosciute dallo Stato.
      Ovviamente nella laica Palestina e nella laicissima Gaza dominata da Hamas abbondano belle storie d’amore in cui donne non musulmane sposano uomini musulmani. Quasi mai il contrario, vai a sapere come mai. Sara’ che i maschi musulmani sono sempre irresistibili e le donne musulmane ovviamente non scelgono mai qualcuno che musulmano non e’.
      Al di la’ del quadro legale, che puo’ certo migliorare, il post di Tondelli e’ demenziale, perche’ usa la versione cattolica dell’Antico Testamento (anche poco corretta, diciamo pure marcionita) applicandola all’Israele di oggi. Per poi offendersi con quelli che trovano nel Corano il fondamento del terrorismo islamico di oggi.

      • Marta ha detto:

        Temo serva un chiarimento: so che tutti i matrimoni contratti all’estero sono riconosciuti (non so se come matrimoni o “civil partnership” – nel senso di istituto parallelo al matrimonio); mi chiedevo se le “civil partnership” contratte in Israele siano aperte ai gay (lo schema da L. dice di no, ricordavo di sì).

      • nahum נחום ha detto:

        Leonardo ha preso il suo schemino da 972 che e’ un sito noto per punte di inarrivabile comicita’ involontaria. Per esempio proporre una alleanza tra ebrei russi e palestinesi contro l’elite israeliana. Ovviamente, quel che riporta e’ falso.

  2. Pingback: Le fobie di Leonardo Tondelli | allegrofurioso

  3. Pingback: Twitter e i sex shop. Fenomenologia senile del cattocomunismo. | allegrofurioso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...