Esercizi di inclusione

Mi capita tutti gli anni di tenere una lezione in una piccola Università nei paraggi. Come tutte le conferenze viene pagata. Compilo il (chiarissimo, lineare, semplicissimo) modulo per il rimborso spese e ci trovo allegato un questionario. Questo.

IMG_5619

In forma anonima e a fini statistici dichiaro la mia etnia (Oh, accidenti, qualcuno ha creato la casellina “Gypsy or Traveller” Omioddio vuol dire che si prevede la possibilità per gli zingari di insegnare nelle Universita’ inglesi? Risposta: eh, sì) e il mio gender: potrei essere maschio, femmina o (aaaargh!) altro. Non solo: il mio genere di nascita è distinto dalle mie scelte sessuali. Ovviamente, indico pure la religione, se voglio. Eccetera.

La ragione per cui l’Università mi ha sottoposto il questionario è la famosa inclusione: vogliono essere sicuri che appartenenti a minoranze culturali, sessuali o religiose abbiano accesso alla carriera universitaria. E se non ci riescono, cercheranno di organizzarsi meglio.

E no, nulla, mi chiedevo se qualcuno in Italia ci avesse mai pensato. Ma forse chiedere alle persone la religione o l’orientamento sessuale fa parte delle cose di cui non si parla in sede ufficiale.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Paturnie. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Esercizi di inclusione

  1. dolceminno ha detto:

    Paragonare l’Inghilterra all’Italia non ha nessun senso. Intanto in Inghilterra di zingari ce ne sono pochi perché ha opportunamente bloccato l’immigratione dalla romania e dalla bulgaria, e l’Inghilterra ha un’immigrazione post-coloniale che l’Italia non ha. E poi a cosa serve ? A far entrare persone non per le proprie competenze ma perché appartenenti a una minoranza ? Inutile poi lamentarsi dell’antisemisimo nel partito laburista è secondo questa logica che si includono le minoranze.

    • nahum נחום ha detto:

      In Inghilterra ci sono 300.000 Rom, e sono lo 0.3% della popolazione. In Italia i Rom sono 180.000, lo 0.2% della popolazione. Fonte: Wikipedia. Piu’ della meta’ sono nati nella contea in cui vivono. Un terzo di loro sono Romnichels, zingari inglesi, presenti da queste parti fin dal XVII secolo.
      Mi dispiace di smontare tutti i tuoi miti (“gli zingari sono troppi e vengono sempre da fuori”) ma quando ci vuole, ci vuole. E con un coglione che ritiene che l’antisemitismo sia una reazione comprensibile di fronte alla arroganza delle minoranze che vogliono (orrore!) essere incluse, mi sa che ci vuole proprio.

  2. ringadore ha detto:

    La carriera universitaria dovrebbe avere basi esclusivamente meritocratiche, non vedo perché l’appartenenza o meno a minoranze dovrebbe influenzarla. A me sembra una mossa molto italiana, come quei partiti che si vantano di avere le quote rosa…
    Anzi se effettivamente tengono conto delle minoranze per accedere alla carriera universitaria é una logica velatamente razzista: ti assegno una quota di partecipazione che altrimenti con le tue sole competenze non potresti raggiungere.
    Il problema dell’Università in Italia non è l’ inclusione: é l’assenza di meritocrazia.

    • nahum נחום ha detto:

      Non e’ una mossa italiana, e’ una politica inglese. Ed e’ vero, e’ la stessa logica delle quote rosa. Che ha i rischi che tu indichi (accedi a quella posizione perche’ sei una donna e non perche’ sei brava) ma dovrebbe essere giudicata in base ai risultati. Ha aiutato le donne ad avere una posizione piu’ forte? Si’. Ha danneggiato la ricerca? No. Anzi, settori interi, come la storia delle donne, sono fioriti proprio grazie alla politica delle quote. E ovviamente anche un uomo puo’ occuparsi di storia delle donne.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...