Screenshot 2016-07-19 13.09.38Scusate, quando si tiene la marcia di protesta contro le violenze della polizia tedesca? Perché il sospetto (parola chiave: sospetto) terrorista minorenne sul treno non è stato disarmato con metodi pacifici? Era necessario ucciderlo? Non si poteva colpirlo a una gamba?
Sono sicuro che ci sarà una grande mobilitazione della sinistra contro le violenze della polizia tedesca.
So per certo che tutte le ONG che lavorano nell’area faranno avere alla stampa i loro comunicati di vibrante protesta contro la reazione spropositata della polizia tedesca. Sarebbe anche il caso di pensare a un boicottaggio dei prodotti tedeschi. O almeno rendere obbligatorio che vengano etichettati, così il consumatore decide se essere o no complice…
Ah, no. Scusate, dimenticavo.
Certe cose si fanno solo contro la polizia che protegge gli ebrei, e solo contro lo Stato ebraico. Mica contro Paesi dal passato più limpido, come la Germania.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Paturnie. Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. ysingrinus ha detto:

    Alle volte è cosí facile confondersi…

  2. Paolo M. ha detto:

    «Certe cose si fanno solo contro la polizia che protegge gli ebrei, e solo contro lo Stato ebraico. Mica contro Paesi dal passato più limpido, come la Germania.»

    Alt! Certe cose avvengono anche in italia! contro la polizia che ha osato sparare a un pacifico manifestante gandiano che casualmente stava tirando un estintore verso la camionetta dei carabinieri (genova, 20 luglio 2001).

    Questo commento è ad alto rischio flame, quindi puoi anche non approvarlo.

  3. shevathas ha detto:

    Proteste, in campo internazionale, ci son state anche verso la polizia USA o di altri paesi. Dipende da quanta simpatia causa la “presunta vittima” e quanta il “presunto colpevole”. Così come gli stupri, se quanto fatto a colonia a capodanno fosse stata opera di biondi vichinghi sabbe stato l’armageddon, a etnie inverse ci sarebbero stati anche gli effetti speciali, roba da far diventare i film del filone catastrofico documentari sulla vita dei bradipi. Invece si è ondeggiato fra un imbarazzato silenzio e un goffo tentativo di attribuire le colpe alla cultura patriarcale, cui fa parte anche l’uomo bianco; insomma la colpa non è nella testa ma nel pisello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...