Giorno della Memoria

Oggi è il Giorno della Memoria. Vorrei quindi ricordare le parole di un visionario, precursore dello sterminio nazista.

Un ebreo, professore di scuole medie, gran filosofo, grande socialista, Felice Momigliano, è morto suicida. I giornalisti senza spina dorsale hanno scritto necrologi piagnucolosi. Qualcuno ha accennato che era il Rettore dell’Università Mazziniana. Qualche altro ha ricordato che era un positivista in ritardo. Ma se insieme con il Positivismo, il Socialismo, il Libero Pensiero, e con il Momigliano morissero tutti i Giudei che continuano l’opera dei Giudei che hanno crocifisso Nostro Signore, non è vero che al mondo si starebbe meglio? Sarebbe una liberazione, ancora più completa se, prima di morire, pentiti, chiedessero l’acqua del Battesimo.

L’autore di queste righe è padre Agostino Gemelli, fondatore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Gesù. Dei due in questa foto, è quello a capo scoperto. L’altro, come potete vedere, è un amico suo.

padre-agostino-gemelli2-320x180

Correva l’anno 1925. Qualche anno dopo il sogno di padre Gemelli, il massacro di tutti gli ebrei europei, sarebbe diventato realtà. O almeno, qualcuno ci provava.

Se vi state chiedendo come mai Gemelli, pur convinto fascista e sostenitore delle leggi razziali, venne frettolosamente assolto nel 1947, ecco qua la risposta. Un elenco di informatori della CIA, datato 1947. Fa parte di una serie di documenti recentemente desecretati. Gemelli è incluso tra i primi tre.

zsolt-aradi-vol-2_0124

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Paturnie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Giorno della Memoria

  1. matanahdominguez ha detto:

    ” se, prima di morire, pentiti, chiedessero l’acqua del Battesimo.” Credono di aver inventato il Mikvé
    Possa puzzare di merda per l’eternità (ho sempre pensato che fosse il marchio di Caino)
    D’altra parte è così da sempre, la Chiesa piange i perseguitati ma tanto per fare, sono martiri e tirano l’acqua al mulino della trinità. il cardinal Tonini si infuriava quando i missionari in Africa curavano i malati, che non contavano nulla. Urlava:- le anime, dovete pensare alle anime non ai corpi. battezzarli prima che muoiano!-
    Il culto della morte degli altri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...