Quelli di Ha Keillah

Sull’ultimo numero di Ha Keillah trovate questa vignetta. In molti si sono arrabbiati. Io no. Perche’ conosco quelli di Ha Keillah.

Quelli di Ha Keillah sono quelli che dissero Kaddish per Stalin. 

Ogni volta che sento parlare degli ebrei russi, e i loro figli e i loro nipoti, a proposito di quel che han passato. Ogni volta che incontro uomini e donne che si sono mobilitati per la causa degli ebrei sovietici, e sono di solito gente di sinistra, democratici in USA, laburisti in UK, mi vergogno. 

Mi vergogno di essere stato un lettore di Ha Keillah, mi vergogno di aver dato soldi a questa gente, mi vergogno di averne difeso le ridicole e contorte argomentazioni (Stalin che vota per Israele all’ONU, buono. Ma allora perche’ non i colonnelli argentini?). 

Farei loro parlare con la mia compagna di studi O., il cui padre era stato torturato perche’ parlava yddish. Si’, la lingua che conoscete grazie a Moni Ovadia. Come sono di sinistra i mozziconi accesi spenti sui testicoli. Come sono laiche e progressiste le battute dell’uomo in divisa sul cazzettino dello yid, senza prepuzio. Lei parlava, e io mi vergognavo. Che terribile bagno di realta’ doverla ascoltare. 

Ah, ma questi qua, che torturano i padri davanti alle figlie sono quelli a cui dovremmo essere riconoscenti? Sono quelli che ci hanno salvati? Ma che pena che mi fate, sempre appresso a un potente, sempre alla ricerca di un protettore. Aveva ragione Jabotinsky, siete dei marrani. I marrani del comunismo. 

E badate che io non ho problemi a dire kaddish per dei non ebrei. Lo dico ogni anno per il mio primo maestro e relatore di tesi, che era un cattolico liberale. Lo dico (e dovremmo dirlo tutti) per Marco Pannella (11 Iyar). Ma per un antisemita, sanguinario dittatore, no. Proprio no. 

E chiunque lo ha detto si deve vergognare. Altro che parlarne con questi toni nostalgici, della serie eravamo giovani belli e socialisti. Ma quelli di Ha Keillah non si vergognano mai.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Paturnie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...