Leonardo Tondelli svela il gombloddo!

Si parla tanto di stupri per proteggerci. Da cosa? Dal fatto che siamo cattivi e mandiamo a morire i migranti e parliamo male dei buoni che sono le ONG. Lo ha scritto davvero.

Screenshot 2017-09-01 15.32.58

Screenshot 2017-09-01 15.33.28

L’ossessione per i palestinesi che sono sempre buoni ed il colonialismo ebraico bianco che è brutto e cattivo, si è trasformata nella denuncia di tutto l’Occidente, che siamo noi, che abbiamo permesso agli ebrei di portare via la terra ai palestinesi, ed adesso tutto il mondo islamico soffre per questo. Che se non nasceva lo Stato di Israele, adesso il mondo arabo sarebbe laicamente avviato verso la democrazia. Ci sarebbero pure diritti per le donne.

A proposito. Non gli è passata neanche la sessuofobia. Gli parlavi della repressione dei gay a Gaza e lui rispondeva quello che ha probabilmente assorbito durante la sua educazione cattocomunista. Il pane e le medicine, che gli ebrei tolgono ai poveri musulmani, contano più della libertà sessuale di cui comunque si può fare a meno. Tu sei ebreo, sei complice dell’oppressione dei palestinesi e tutto questo parlare di gay è un complotto per levare l’attenzione dai veri problemi. Questa ossessione che i cattivi cercano sempre di spostare l’attenzione gli è rimasta.

Se quindi si parla di stupri, cioè di sesso, attenzione, c’è di mezzo un complotto dei cattivi per criminalizzare i buoni.

Invecchia male, Tondelli.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Leonardeide. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Leonardo Tondelli svela il gombloddo!

  1. matanah ha detto:

    È che nessuno se lo Inc. …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...