Giovedì podcast. Mabel

mabelMabel è, finora, il podcast più  bizzarro che mi è capitato di ascoltare. Per quel che ci ho potuto capire finora è una serie di messaggi lasciati su una segreteria telefonica, di una che non risponde mai, e che è la nipote di una anziana signora che (ma questo lo capite solo alla fine della seconda serie) viveva (muore a metà della prima serie) in una casa che fa impazzire gli abitanti/è una porta verso un’altra dimensione/è infestata da fantasmi di streghe cannibali/tutto quanto sopra ed altro, inclusa una scatola piena di lettere restituite al mittente.

La voce narrante è una sola, quella della badante della anziana signora. Anche se ad un certo punto, ma non voglio spoilerare niente, diventa quella di un’altra persona ancora. Gradatamente smette di descrivere cosa è successo durante la giornata, o parla di sé, con molta autoironia, della sua educazione cattolica, della sua nevrotica e pazzoide famiglia irlandese, e si abbandona a riflessioni, svagolamenti riflessioni sarcastiche su sé stessa. Di più non posso dirvi, perché in rete non si trovano riassunti delle puntate, e gli apparati collaterali, Tumblr ecc, sono ridotti al minimo. Praticamente in rete si trovano solo i transcripts, in pdf, di quello che sembra proprio essere un gran pezzo di letteratura via radio. Il formato pdf è adeguato, perché queste trascrizioni potrebbero essere stampate e ne uscirebbe un libro. L’autrice, Becca De La Rosa, è una che di letteratura fantasy ci capisce parecchio ed è appunto irlandese, quindi c’è molto di autobiografico, immagino.

La differenza tra lettura (anche la attrice che legge è straordinaria) e podcast la fa la colonna sonora. OK, ci sono diverse urla di paura e di spavento, ma soprattutto una colonna sonora fatta esclusivamente di musica tratta dal Free Music Archive, che non richiede il pagamento di diritti d’autore. Con le spese ridotte al minimo è uscito un capolavoro.

Questa voce è stata pubblicata in Giovedì podcast. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Giovedì podcast. Mabel

  1. ysingrinus ha detto:

    Molto interessante. Peccato temo non saprei godermelo per via della lingua.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...