Sinistra e scelte

Anche persone che stimo sembrano convinte che la sinistra debba scegliere.

Scegliere tra difendere i diritti civili e trasformarsi quindi in una versione multiculturale di una caricatura del Partito Radicale, dico caricatura perché il Partito Radicale era un’altra cosa

Oppure, e questa scelta escluderebbe la precedente, scegliere di difendere i diritti sociali. E diventare quindi una versione nazionale della sezione PCI di Brescello Viadana, quella del sindaco Peppone dei racconti di Guareschi. Dove tutti i lavoratori sono bianchi, maschi, eterosessuali, sposati con mogli che non vedono l’ora di tornare a fare le casalinghe, non appena lo stipendio del marito sarà tornato a livelli precedenti l’invasione dei neri mandati a raccogliere i pomodori.

Non so se vi rendete conto di quanto questa rappresentazione caricaturale e paternalistica offenda i pensionati ed i disoccupati, e quelli che non arrivano alla fine del mese che, secondo voi, sarebbero incapaci di vedere gay e musulmani affetti dagli stessi loro problemi.

Questa voce è stata pubblicata in Italia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...