Chiamale se vuoi evasioni

Negli ultimi anni Settanta in Italia è successo che si sono messi tutti a leggere Tolkien. O almeno questo è quel che ricordo io. So anche che l’economia faceva schifo, che la fiducia nelle istituzioni, Stato o Chiesa che fossero, era al minimo storico, che si poteva essere uccisi perché indossavi un eskimo e passavi per San Babila o se i compagni avevano deciso che eri un fascio perché portavi le scarpe a punta (in questo ultimo caso, per quel che ricordo, c’era qualche possibilità in più che prendessero gli assassini, va detto)

In tempi così cupi, si misero tutti a leggere Tolkien. Il Signore degli Anelli stava sul mercato da un bel po’, con la pallosa erudita prefazione di Elemire Zolla ma ci volle la fine degli anni Settanta, o almeno così sembrò a me, per vedere che lo leggevano in tanti,. a destra e a sinistra. Lo si capiva dal fatto che fascisti chiamavano Campo Hobbit i loro campeggi estivi ed i comunisti dipingevano i democristiani con le fattezze di Gollum.

Tanti, voglio dire, nella generazione precedente alla mia. Per dare una idea del mondo in cui sono cresciuto, vi faccio presente che quando avevo quattordici anni era già successo che le BR avessero ucciso il principale di mio padre, un ragazzo dell’ultimo anno del Liceo era stato arrestato perché il suo numero di telefono era nell’agenda sbagliata, il figlio di un maestro era finito al penitenziario militare di Gaeta dopo essere stato espulso dal MSI. Ah, e un preside era stato sprangato mentre si recava al lavoro. Raccolse i fogli e si presentò a scuola con la testa sanguinante. Non facciamone un eroe, anni dopo si scoprì che era un pedofilo.   Tuttavia, quando avevo diciassette anni nessuno era più interessato alla politica. Stavamo tutti ballando al suono dei Duran Duran e degli Spandau Ballet. Io, e pochi altri avevamo anche i dischi dei Cure e dei Talking Heads.

Gli storici si chiedono ancora come sia avvenuta una trasformazione così radicale e uno ha l’impressione che vorrebbero parlare bene di Bettino Craxi, impresa difficilissima. Sta di fatto che era caduto il prezzo del petrolio, quindi l’intera economia italiana ne ha beneficiato, ed il successo individuale è diventato l’obiettivo di tutti. Gli estremisti di sinistra si trasformarono in una generazione di imprenditori in giacca, cravatta e blue jeans. Design, moda e made in Italy fecero il resto.

Penso che leggere Tolkien sia stato parte di questa trasformazione. Come se tutti fossero stanchi degli slogan e della violenza insensata e avessero bisogno di immaginare un altro luogo, una Terra di mezzo più sicura del mondo reale. Non a caso un’altro fenomeno importante era il consumo crescente di LSD ed eroina. Le stazioni ferroviarie erano per definizione pericolose perché i tossici stazionavano lì giorno e notte.

Mi sembra che stiamo vivendo un momento simile. Instabilità politica, incertezza sul futuro, radicalismo violento (principalmente solo a parole, per ora), sfiducia nella politica e nelle istituzioni. Non sto leggendo Tolkien, non l’ho mai letto, mi dispiace ma lo trovo estremamente noioso. Ma passo sempre più il mio tempo libero a leggere e ad ascoltare storie su luoghi immaginari, soprattutto Night Vale, la città americana nel deserto dove tutti i complotti sono veri. Il podcast è fantastico, i libri sono diventati parte della mia lettura quotidiana e surfo i relativi Tumblrs. azz, quanti ce ne sono.

Good night, Night Vale. Good night

download

Questa voce è stata pubblicata in la guida ai podcast. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Chiamale se vuoi evasioni

  1. busfahrer ha detto:

    Non sto leggendo Tolkien, non l’ho mai letto, mi dispiace ma lo trovo estremamente noioso.

    Allora siamo in due. Io ho letto solo una ventina di pagine prima di bloccarmi. Invece conosco una decina di persone che dicono di averlo letto. Dicono, perchè se gli domando cosa sta scritto, si “impaperano” dopo al più dieci parole.
    Non so perchè (o forse lo so), ma invece i libri tecnici li riesco a leggere e a ricordarne i contenuti… e a spiegare sia pur “circa” cosa c’è scritto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...