La stessa domanda

Lo chiedevo ai grandi, quelli che vollero fare una lista PdUP anziché accettare due post in lista come indipendenti con il PCI e poi non si poté fare la giunta rossa e io avevo sedici anni e i DC sabotarono il consultorio, che quando hai la prima fidanzata sono cose che ti urtano.
E lo chiedevo ai rifondaroli, quando volevano la settimana di 35 ore e per quelle 35 ore se ne andarono dal governo, inebriati dal canto di Bandiera Rossa, e divertiti per le battute di Alessandro Robecchi: “Non è che dobbiamo inventare posizioni di yoga e versarci sulla testa un vaso di yogurt alla fragola perché se no vince Berlusconi”.
E lo chiedo adesso, che stanno per fare una scissione che consegnerà l’Italia non alla destra intellettuale di Einaudi, non a quella confindustriale di Malagodi, e nemmeno a quella di Berlusconi, caciarona ma a modo suo modernizzante, no: l”Italia sta per essere consegnata alla destra di Matteo Salvini sangue e suolo Sangue di immigrati, e suolo da tenere libero dalle palme, anche quando le mette Starbuck. E questo grazie a una imminente scissione nella sinistra.
E io chiedo ogni volta perché. E la risposta è sempre la stessa: Perché non ci considerano. Perché dobbiamo alzare la voce per mostrare che contiamo qualcosa. Perché siamo stufo di dover mandare giù roba rosa pallido per via del ricatto che sennò vince la destra. Perché dobbiamo pretendere la Luna, anche se sapremo che continua a restare dove è.
Ma cazzo, mi vien da dire, e lo dico da quando ho sedici anni, da quando io e la mia fidanzata di allora abbiamo trovato il consultorio chiuso che con la nuova giunta apriva solo il martedì mattina (quando noi eravamo a scuola), ma cazzo, mi dico e vi dico, ma crescete una buona volta. Non siete lì per mostrare al mondo che il Partito/Padre vi considera adulti.
Siete minoranza dentro il Partito? E stica**i. Io sono minoranza dentro una organizzazione religiosa, pensa un po’. Ma ci parlo ogni giorno, con persone che condividono la mia appartenenza. Resto convinto di interpretarla meglio di altri, ma ascolto le altrui opinioni e cerco di far ascoltare le mie. Accetto di essere una minoranza, ma siccome mi sta sulle palle Nanni Moretti mi attrezzo per far crescere il consenso intorno alle mie posizioni. Se necessario le sfumo anche. Trovo dei compromessi.
George Lakoff sostiene che in USA esistono modelli familiari di sinistra e modelli familiari di destra. Dal che discendono due modi differenti di intendere la politica. Quando la destra parla di valori della famiglia non intende certo un ambiente in cui -come avviene nelle famiglie- i deboli ricevono più aiuto e le persone sono rispettate a prescindere dalla loro religione o dal loro orientamento sessuale.
E’ una lettura interessante, Lakoff, anche se molto americana e poco adatta a comprendere l’Italia (e poi, di proposte per uscire dal presente casino non ne ha molte, a mio giudizio). Ma su una cosa ha probabilmente ragione: le nostre esperienze familiari danno forma al modo in cui facciamo politica.
C’è in Italia una parte di sinistra sempre in cerca di riconoscimenti, di identità, di bandiere. La compongono personaggi che hanno sposato la politica. Loro nella politica ci vivono. E’ la loro famiglia. E si contrappone a una destra che considera la politica uno strumento, un mezzo e non un fine. Quindi più capace di negoziare, di trovare compromessi, di parlare con una voce sola. E di farsi capire dagli elettori.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Paturnie. Contrassegna il permalink.

3 risposte a La stessa domanda

  1. Paolo ha detto:

    Non capisco: tutti danno per scontato la vittoria della destra di Salvini… ma anche il movimento 5 stalle è favorito per la vittoria! Ricordo che c’è una possibilità che Salvini faccia la scissione con Berlusconi: conosco persone di destra che sono stufe di Mr Berlusconi e del suo partito bandiera (bandiera, nel senso che sventola un po’ di qui e un po’ di là), tali persone se Salvini si allea con Berlusconi, voteranno 5 stelle. Ok, il mio non è un campione rappresentativo, però è un po’ presto per sbilanciarci su chi vincerà… quando non si sà ancora quando si voterà! 😀

    ps: e se vincerà M5S, avrà vinto la destra o la sinistra? 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...