Se Fiano non fosse ebreo

Facciamo un esperimento. Se la Legge Fiano fosse stata proposta da un parlamentare che non parla apertamente della propria appartenenza ebraica e della sua storia familiare, il promotore avrebbe ricevuto lo stesso ammontare di minacce ed insulti di cui e’ stato fatto oggetto in questi giorni Emanuele Fiano? Avremmo avuto terroristi a piede libero che discettano di legalità e tirano fuori fantasie sul complotto sionista contro gli italiani? Ovviamente no.

Emanuele Fiano per questa gente ha il grave torto di essere ebreo italiano, che aspira a non venire essere insultato e minacciato di sterminio.

Altro che persecuzione.  Facendo il confronto tra il numero di detenuti di estrema destra e di detenuti di estrema sinistra, in Italia, negli anni Settanta ed Ottanta, si scopre che in Italia era molto meno rischioso essere un fascista che essere un comunista. Li hanno lasciati a piede libero per troppo tempo. E come risultato altri cittadini italiani, ebrei ma non solo, si sono trovati per decenni a vivere in condizioni di insicurezza. A dover ridurre la loro libertà.

Le ragioni le sanno tutti. In Italia, dove esisteva il più grande partito comunista dell’Europa Occidentale, i neofascisti facevano i lavori sporchi. Godendo di protezioni.

Della polizia, e cioè dello Stato italiano. Ogni volta che si scoperchiava la pentola dell’estremismo nero, variamente connesso a bombe di varia natura, si faceva fatica a capire chi fossero i militanti, chi fossero gli infiltrati e chi fossero, quelli che erano ambedue.

Come diamine sono possibili, senza protezioni statali e secondo me pure vaticane, storie come quelle dell’ing. Pomar, che si invola in Spagna proprio quando sta per essere indagato per una vicenda di bombe. Esplosa in anticipo, facendo un solo morto, invece delle centinaia per cui era destinata. Brandelli del cervello della vittime vennero trovati a 200 metri di distanza, per dire il genere di esplosivi che questa gente aveva a disposizione.

Ma anche da frange degli industriali a cui faceva sempre comodo, al momento del rinnovo del contratto, che qualcuno minacciasse i sindacati. E vuoi mettere come ti vengono utili i fascisti se devi sgombrare una casa.

Altro che persecuzione, ripeto. I fascisti in Italia sono stati tollerati e protetti. Per ragioni di realpolitik e per la situazione internazionale. Ma l’anomalia stava nel tollerarli. E’ ora che l’Italia faccia come tutte le altre democrazie occidentali, e li mandi in soffitta.

O in galera.

Annunci
Pubblicato in Paturnie | 12 commenti

mazzetta e la modesta entità

A Londra è attentato terroristico, ma mazzetta non se ne è accorto, per lui sono fiammate di modesta entità.

Screenshot 2017-09-15 11.01.01

Screenshot 2017-09-15 11.01.55

Vabbé, niente di nuovo.

Pubblicato in Italia, uk | 1 commento

Vorrei fare dell’antropologia

Scusate, mi è venuta voglia di fare un po’ di antropologia alla cazzo e di scrivere titoli per Libero.

Qualcuno mi sa dire qualcosa sul retroterra familiare degli stupratori di Firenze? Sapete se almeno uno dei due ha un cognato che ha uno zio che ha dei trascorsi penali per rissa? Qualcuno che ha pagato una multa per ubriachezza molesta? Ci deve essere da qualche parte un cugino che si è fatto una canna ad una festa ed ha palpato il culo a una che era sua cugina. E dai, fatemi sapere da quale paesello vengono i due stupratori. Sarà certo un paesello del Meridione o della Sardegna dove le donne la sera devono stare chiuse in casa perché non c’è un cazzo da fare perché gli uomini spadroneggiano impuniti per le strade e nel bar tabaccheria con biliardo.

E mi fate sapere dove vivono, adesso, questi due mostri? Che voglio vedere le foto del bagno, perché non mi fanno vedere il loro bagno? Stanno nascondendo i rubinetti d’oro?

Ma cazzo, perché non posso sapere dove hanno appreso questa cultura che permette loro di vedere una donna non accompagnata come una che ti puoi scopare impunemente? Io, come cittadino italiano ho il diritto di sapere! E diamine, ho anche una figlia! Come credete che si sente, adesso, vedendo carabinieri ovunque?

Ah, la divisa, dite?

Cioè che facendo questo genere di domande a proposito di carabinieri sto attentando alle istituzioni dell’Italia? Cioè sono domande che non si fanno? Insomma, i due stupratori sono assicurati, ecco. E soprattutto non sono negri.

E l’assicurazione la paghiamo noi. Con questo genere di silenzi. Che immagino faranno benissimo al turismo. Ma certo, certo, c’è di mezzo l’onore della Patria, che si sa non ha prezzo. Queste americane debosciate vadano a cercarsi altrove i maschi latini per farsi scopare. Che io mica voglio che mia figlia segua il loro esempio!

 

Pubblicato in Italia, Paturnie | Lascia un commento

Si può venire stuprata

Si può venire stuprata da un padre di famiglia
Si può venire stuprata se gli sei fidanzata.
Si può venire stuprata e lui pensa alla figlia
Insomma vieni stuprata perché ti sei fidata.

Si può venire stuprata perché ti senti bella
Si può venire stuprata anche se sei brutta.
Si può venire stuprata stesa su una barella
Insomma vieni stuprata e non la hai detta tutta.

Si può venire stuprata in una di quelle sere
Si può venire stuprata in un giorno di festa.
Si può venire stuprata anche da un carabiniere
Insomma vieni stuprata anche se sei modesta.

Si può venire stuprata anche se porti i pantaloni
Si può venire stuprata pure se porti la gonna.
Si può venire stuprata e poi presa a schiaffoni
Insomma vieni stuprata perché sei nata donna.

(Omaggio a Nanni Svampa)

Pubblicato in Italia | Lascia un commento

Mezzo secolo di storia ebraica

La nostra sinagoga festeggia 50 anni, e per l’occasione abbiamo allestito una piccola mostra. Ecco cosa è saltato fuori dall’archivio, che uno non è stato uno storico per niente.

yNuIUdIgS0uhSOyqHaKUlg_thumb_2538

“Io non ce lo particolarmente con gli ebrei, ce la ho con tutte le religioni”. Pensavate che questo tipo di antisemitismo sia una cosa nuova?

IMG_2258

Il primo progetto venne respinto dal Consiglio Comunale, ma non tutta la città era d’accordo con la decisione. Incredibilmente, oggi torna la stessa domanda, quando si parla di macellazione rituale o circoncisione.

UNADJUSTEDNONRAW_thumb_2536

Dopo che la proposta venne bocciato una prima volta dal Consiglio Comunale, la moglie del rabbino e un’altra signora raccolsero firme in favore della costruzione della sinagoga. Tutto il vicinato firmò senza problemi, con la sola eccezione di un sopravvissuto della Shoah che aveva paura di attirare attenzione sugli ebrei, e di un ufficiale dell’esercito inglese che sbatté la porta in faccia alle due signore dicendo che secondo lui Hitler aveva ragione ed era l’unico a sapere come si dovevano trattare gli ebrei. Era il 1965 e in Inghilterra c’erano nazisti a piede libero.

Poi le resistenze vennero superate.

IMG_2264

Servizio per la posa della prima pietra

ZNZhFYRGT62xFJ7zB%BZqg_thumb_2537

Il Sindaco fece subito capire da che parte stava. Nella foto, Rabbi E.S. Solomon, con il vestito dei rabbini Reform dell’epoca, ispirato a quello dei giudici.

IMG_2266

La sinagoga in costruzione.

 

Brighton_and_Hove_Reform_Synagogue,_Palmeira_Avenue_-_geograph.org.uk_-_353087

La sinagoga adesso

E infine, i nostri Sefarim.

Pubblicato in Paturnie | 1 commento

Grembiule o no

Ricomincia la scuola e con essa il dibattito sul grembiule. Io mi sono fatto delle idee precise in proposito.

Qua in UK la divisa a scuola è obbligatoria. Certo, è tutto un complotto delle multinazionali dell’abbigliamento per vendere alle famiglie ogni anno un doppio invernale ed un doppio primaverile di scarpe, pantaloni, camicie, cravatte, giacche (qui a Brighton no cravatte, e felpe al posto delle giacche). E i pargoli qua sono privi della libertà di mostrare le loro mutande firmate ai compagni di classe. Ah, quanto soffrono.

Oh, e poi c’è sta cosa. Guardate questi sono due bambini zingari.

Screenshot 2017-09-06 19.09.36

Che Paese razzista, il tasso di alfabetizzazione tra gli zingari uomini e donne è il doppio rispetto all’Italia. E insomma nessuno a scuola riconosce che sono zingari, gli tolgono la loro identità, sapete.

Cazzo, che schifo l’Inghilterra.

A morte Tony Blair, il sionista criminale di guerra che ha imposto tutto questo.

 

Pubblicato in Italia, uk | 2 commenti

Leonardo Tondelli svela il gombloddo!

Si parla tanto di stupri per proteggerci. Da cosa? Dal fatto che siamo cattivi e mandiamo a morire i migranti e parliamo male dei buoni che sono le ONG. Lo ha scritto davvero.

Screenshot 2017-09-01 15.32.58

Screenshot 2017-09-01 15.33.28

L’ossessione per i palestinesi che sono sempre buoni ed il colonialismo ebraico bianco che è brutto e cattivo, si è trasformata nella denuncia di tutto l’Occidente, che siamo noi, che abbiamo permesso agli ebrei di portare via la terra ai palestinesi, ed adesso tutto il mondo islamico soffre per questo. Che se non nasceva lo Stato di Israele, adesso il mondo arabo sarebbe laicamente avviato verso la democrazia. Ci sarebbero pure diritti per le donne.

A proposito. Non gli è passata neanche la sessuofobia. Gli parlavi della repressione dei gay a Gaza e lui rispondeva quello che ha probabilmente assorbito durante la sua educazione cattocomunista. Il pane e le medicine, che gli ebrei tolgono ai poveri musulmani, contano più della libertà sessuale di cui comunque si può fare a meno. Tu sei ebreo, sei complice dell’oppressione dei palestinesi e tutto questo parlare di gay è un complotto per levare l’attenzione dai veri problemi. Questa ossessione che i cattivi cercano sempre di spostare l’attenzione gli è rimasta.

Se quindi si parla di stupri, cioè di sesso, attenzione, c’è di mezzo un complotto dei cattivi per criminalizzare i buoni.

Invecchia male, Tondelli.

Pubblicato in Leonardeide | 2 commenti